vincitori XII edizione 2022

Vota questo articolo
(0 Voti)

LOGO FOLLE DORO CURVE 72 dpi

 FOLLI ORO - PICC  Mirko Decastelli 3  

PREMIO TEATRALE NAZIONALE 

FOLLE D'ORO

"Giovanni Mellano"

XII EDIZIONE 2022 – Città di Fossano (CN)

_MG_9972.jpg

MIGLIOR SPETTACOLO

NOVECENTO 
di Alessandro Baricco
Regia Fabrizio Perrone e Mattia Nodari
Filodrammatica Orenese – Vimercate (MI)

Motivazione: Toccante, poetico, ironico, coinvolgente. La messa in scena del capolavoro di Baricco è stata fedele al testo, ma innovativa nel sapiente uso degli oggetti in scena che, a loro volta, sono diventati protagonisti della vicenda contribuendo all’efficacia della magistrale interpretazione di Fabrizio Perrone. Un vero e proprio viaggio emozionale che, pagina dopo pagina, parola dopo parola, ha trasportato gli spettatori alla scoperta dell’opera attraverso la metafora del mare e le vicende dei diversi personaggi che si intrecciano con quella dominante di Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento.

   
 REGISTI.jpg

MIGLIOR REGIA

MICHELE MASULLO e BEPPE COLELLA

spettacolo TRE SULL'ALTALENA
di Luigi Lunari
Ronzinante APS - Merate (LC)

Motivazione: Una regia intelligente e coraggiosa che legge ed interpreta in modo creativo e originale il testo di Luigi Lunari ponendosi al servizio dello spettacolo e dello spettatore, esaltando al contempo la bellezza della "pièce" e le doti attoriali degli interpreti.

   
 _MG_9989.jpg

MIGLIORE ALLESTIMENTO

NOVECENTO
di Alessandro Baricco
Regia Fabrizio Perrone e Mattia Nodari
Filodrammatica Orenese – Vimercate (MI)

Motivazione: Un allestimento fedele e originale, un sapiente uso dello spazio scenico, della scenografia, delle luci e degli oggetti di scena, che nelle mani dell’interprete diventano parlanti, e che utilizzati con maestria evocano situazioni, ambienti e sentimenti, diventando quasi a loro volta attori in carne e ossa, prendendo in tal modo per mano lo spettatore e trasportandolo quasi per magia sul Virginian e su e giù per l’oceano, in compagnia di Danny Boodman T. D. Lemon Novecento. 

   
 COMMISSARIO.jpg

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

MARCO BARBIERO
nel ruolo del Commissario di Polizia

spettacolo TRAPPOLA PER UN UOMO SOLO
di Robert Thomas
regia Paolo Marchetti
Compagnia dell’Orso – Lonigo

Motivazione: L'interpretazione affidabile del commissario, ne delinea un personaggio preciso. Con assist continui agli altri attori in scena, l'attore favorisce il tessere della trama del giallo. Un ruolo determinante per la riuscita del fiore all'occhiello di questo spettacolo: il finale a sorpresa.

   
d397e669-3f9b-4dc3-a631-af84bb55c44f.jpg

MIGLIOR ATTRICE NON PROGAGONISTA

LAURA BOZZI
nel ruolo di Mamma Pollit
Regia Fabrizio Perrone e Mattia Nodari
Filodrammatica Orenese – Vimercate (MI)

Motivazione: L’ interpretazione attenta, misurata ed essenziale di Laura Bozzi ci rende una “mamma Pollit” ingenua, inconsistente, inconsapevole dei mille volti del dramma in cui si muove; in sottile equilibrio tra l’apparente fragilità e l’ostinata convinzione di essere il perno degli affetti familiari.

   
 4e51ae26-f222-47be-afb2-4fbc2bca2fae.jpg

MIGLIOR ATTRICE 

FRANCESCA FANTINI e BEATRICE BUFFADINI

spettacolo LA SOGLIA
di Michel Azama
Regia Loretta Giovannetti
Grandi Manovre - Forlì

Motivazione: Per aver dato vita a personaggi intensi e credibili in un contesto di perpetrata drammaticità. Per l’uso coordinato e sincrono del corpo, del movimento e della voce che ha sostenuto i personaggi in un acrobatico continuum di simbiosi e dissonanze, trascinando lo spettatore nel dolore disperato e nelle sue mille incongruenze emotive e psichiche.

   
_MG_9823.jpg MIGLIOR ATTORE

FABRIZIO PERRONE

spettacolo NOVECENTO
di Alessandro Baricco
Regia Fabrizio Perrone e Mattia Nodari
Filodrammatica Orenese – Vimercate (MI)

Motivazione: Fabrizio Perrone concilia con una ben calibrata delicatezza l'utilizzo del corpo e della voce, rivelando un'ottima e armoniosa presenza scenica.
L'attore dà prova di grande versatilità, caratterizzando i personaggi senza scadere né nella banalità, né nella macchietta. L'interpretazione provoca nello spettatore un riso amaro che rispecchia gli aspetti agrodolci della scrittura di Baricco. Nel complesso Perrone ci immerge un mondo onirico che culla il pubblico come una favola.
   
05.jpg PREMIO "FOLLETTI"

LA SOGLIA

di Michel Azama
Regia Loretta Giovannetti
Grandi Manovre - Forlì

Motivazione: La rappresentazione di una storia cruda e viscerale che ci ha mostrato un groviglio di umanità, ricordi confusi e percezione distorta del tempo e dello spazio, permettendoci di comprendere un nuovo punto di vista. La forza interpretativa delle attrici ha saputo coinvolgerci con parole e movimento, accompagnate da una regia siderale che ha tracciato l'orbita di una storia troppe volte ridotta ad una parentesi. Perché "le lacrime del cuore spesso non raggiungono gli occhi".
   
 _MG_9880.jpg PREMIO DEL PUBBLICO

NOVECENTO 
di Alessandro Baricco
Regia Fabrizio Perrone e Mattia Nodari
Filodrammatica Orenese – Vimercate (MI)

VOTO: voto 9,47
   
02.jpg PREMIO GIURIA STUDENTI

TRAPPOLA PER UN UOMO SOLO
di Robert Thomas
regia Paolo Marchetti
Compagnia dell’Orso – Lonigo


VOTO: voto 9,86
   
 01.jpg PREMIO SPECIALE UILT Piemonte APS

LA SOGLIA

di Michel Azama
Regia Loretta Giovannetti
Grandi Manovre - Forlì

Motivazione:

In un concerto ben accordato di elementi diversi, si stagliano due personaggi forti, sapientemente delineati dalle due protagoniste. Sono frutto di parole, suoni, corpi veri in movimento, coreografie, rumori e musica. Una miscela registica che, con l'arco dell'arte attoriale, scocca frecce appuntite nel cuore di chi guarda e lo scioglie in un'eruzione emozionale.
La storia, cruda e reale, emerge, potente, in ogni suo drammatico dettaglio, non lascia respiro, né parole e ci costringe a pensare.

   
2e01a2d4-e81c-481d-b38b-fe6acaf0d9d2.jpg  PREMIO HAR MIGLIOR RESA FOTOGRAFICA

PAOLA GARRO

spettacolo LA SOGLIA
di Michel Azama
Regia Loretta Giovannetti
Grandi Manovre - Forlì

Motivazione: La Fotografia di Paola Garro è stata realizzata in data 8 novembre durante la rappresentazione di LA SOGLIA con Beatrice Buffadini e Francesca Fantini per la regia di Loretta Giovannetti.
Il pregio emozionale di questo scatto è che racconta la drammaticità del testo in una immagine sintetica.
Il tutto è sottolineato da un sapiente uso delle luci, tecnicamente difficili, che però hanno consentito di utilizzare tempi di posa molto efficaci per raccontare il movimento.
Inoltre, importante è stata la doppia scelta operata dall’autrice di selezionare proprio questo tra gli scatti realizzati e di virare la fotografia in bianco e nero, ottenendo il risultato di esaltarne la capacità espressiva.
   
550d1a18-b295-47bf-ab8a-6323440944de.jpg

PREMIO SPECIALE CORTE DEI FOLLI 

MICHELE MASULLO
MASSIMILIANO COLOMBO
BEPPE COLELLA
PATRIZIA TONSI

spettacolo TRE SULL'ALTALENA
di Luigi Lunari
regia Michele Masullo e Beppe Colella
Ronzinante APS – Merate (LC)

Motivazione: La Corte dei Folli vuole premiare tutto il cast di questo lavoro per la coralità della rappresentazione. Gli attori, vestendo panni da clochard (scelta originale per questo testo), sono riusciti a catturare lo spettatore grazie alla loro forte presenza scenica, con una recitazione credibile e ritmata, tempi comici perfetti, caratterizzazioni mai banali dei personaggi ed un altissimo grado di “ascolto” reciproco restituendo con ironia il senso del testo che affronta temi importanti come la vita, la morte e il destino dell’uomo, alternando umorismo, drammaticità e mistero.

   
   
Letto 0 volte
Altro in questa categoria: « i vincitori VIII edizione 2022